Polo Agroalimentare

Il Polo di Innovazione Agroalimentare della Regione Piemonte si è costituito nel corso del 2009 in forma di associazione temporanea di scopo. La missione del Polo di Innovazione Agroalimentare è quella di interpretare la domanda di innovazione da parte delle aziende piemontesi del comparto agroalimentare, in particolare delle piccole-medie imprese, e di agevolarne l'accessibilità a servizi avanzati per migliorare la competitività dell'agro-industria piemontese nel breve e medio termine e per favorirne, attraverso l’innovazione, l’internazionalizzazione necessaria a vincere le sfide presentate dall’evoluzione del trend del mercato.

Il network del Polo Agroalimentare della Regione Piemonte è coordinato dalla società Tecnogranda SpA, designato dalla Regione Piemonte in qualità di cluster manager. Il modello utilizzato per il raggiungimento di questo obiettivo ambizioso è la messa in rete della conoscenza derivante dall'industria, dal mondo della ricerca, dalle istituzioni e tutte le risorse del territorio che possono operare a supporto dell'innovazione e della competitività del settore agro-industriale.
Il Polo Agroalimentare coinvolge pertanto grandi, medie e piccole imprese e i consorzi di filiera agro-industriale in ambito regionale, oltre alle università, i principali centri di ricerca e laboratori presenti sul territorio piemontese attivi nel settore agroalimentare.
 
Il modello organizzativo
Organizzato in forma di associazione temporanea di scopo, il Polo Agroalimentare conta a Giugno 2013 più di 400 soggetti aderenti, suddivisi come segue:
 
Tra le imprese aderenti al Polo Agroalimentare vi è una presenza significativa di industrie di trasformazione e di aziende fornitrici di tecnologie (impianti e servizi). Si contano soggetti operanti nei principali settori del comparto agroalimentare piemontese, ed in particolare: comparto agricolo; impiantistica per l’agroalimentare; trasformazione alimentare; settore dolciario e prodotti da forno; settore lattiero-caseario; settore viti-vinicolo; settore orto-frutta; settore carne; settore pasta; ristorazione.
Fra gli organismi di ricerca figurano tutti i principali enti di ricerca e le università piemontesi, quali in particolari:
- Tecnogranda SpA, parco scientifico-tecnologico per l’agro-industria, dotato di laboratori, personale tecnico con competenze multidisciplinari ed un incubatore di impresa, soggetto gestore del Polo di Innovazione Agroalimentare
- Università degli Studi di Torino
- Politecnico di Torino
- Università del Piemonte Orientale
- Università di Scienze Gastronomiche
- CNR, con i vari istituti localizzati sul territorio piemontese operanti nel settore agro-alimentare
- CRA, con i vari istituti localizzati sul territorio piemontese operanti nel settore agro-alimentare
- Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Piemonte, Liguria e Valle d'Aosta
- Altri laboratori ed enti di ricerca pubblici e privati presenti sul territorio
 
L’attività del Polo di Innovazione Agroalimentare
Gli obiettivi del Polo di Innovazione Agroalimentare sono principalmente:
- Messa in rete di idee innovative nel settore agroalimentare
- Animazione del comparto agroalimentare piemontese attraverso la promozione di eventi ed opportunità di business a livello regionale, nazionale ed internazionale
- Presentazione di domande di finanziamento per progetti di ricerca e di innovazione, studi di fattibilità e servizi in occasione delle scadenze periodiche riservate ai soggetti aggregati ai Poli di Innovazione della Regione Piemonte
- Promozione e supporto per la partecipazione di PMI del comparto agroalimentare piemontese a bandi di ricerca Europei ed internazionali
- Rappresentanza delle aziende del Polo a iniziative ed eventi nazionali ed internazionali (es. Cluster Agrifood Nazionale)
 
I Comitati del Polo di Innovazione Agroalimentare
A partire dal 2009 il Polo Agroalimentare si è dotato di un Comitato Tecnico Scientifico e di un Comitato di Indirizzo, con le seguenti finalità:
 
- Selezione ed accompagnamento delle idee progettuali presentate nell’ambito del Polo
- Definizione delle linee strategiche e traiettorie tecnologiche prioritarie per il Polo
- Valutazione ed accompagnamento di idee e start-up innovative presentate al Polo
 
Prendono parte ai Comitati rappresentanti degli atenei piemontesi, del CNR, di alcune grandi imprese del settore agroalimentare e delle principali associazioni di categoria in rappresentanza delle istanze di innovazione delle piccole-medie imprese del comparto agro-industriale regionale.
 
L’adesione al Polo di Innovazione Agroalimentare
L’iscrizione al Polo d’Innovazione Agroalimentare è gratuita.
Per informazioni e iscrizioni: poloagro@tecnogranda.it