Ultime News

visualizza tutte le news >>

Curiosità

visualizza tutte le curiosità >>

Dieta contro l'influenza: la prevenzione inizia a tavola



In questi giorni, l’influenza sta colpendo numerosi italiani che si vedono costretti a letto, con febbre e fastidiosi attacchi di tosse. Come prevenire allora questo malanno di stagione che debilita e affatica l’organismo?

Attingendo ai consigli della nonna, si possono elencare diverse precauzioni che riducono il rischio di contrarre il virus. Dal lavarsi bene le mani all’evitare gli eccessivi sbalzi di temperatura, fino a limitare alcool e fumo che indeboliscono il sistema immunitario.
 
Ma è a tavola che inizia la prevenzione contro i malanni di stagione.

E dunque, la dieta contro l’influenza prevede almeno per due o tre volte al giorno il consumo di frutta e verdura. Sì a kiwi, pere e mele e soprattutto sì alla arance che, aumentando le difese immunitarie del nostro corpo e svolgendo un’azione antiossidante, rappresentano il frutto con più potere preventivo contro l’influenza. Tra le verdure, invece, non possono mancare carote, cavoli, broccoli, peperoni e spinaci che sono ricchi di vitamine e rinforzano le barriere contro virus e batteri.

Ma non solo frutta e verdura, perché la dieta contro l’influenza comprende anche legumi come fagioli, ceci e lenticchie che contengono proteine minerali e vegetali e nocciole e noci che aiutano a calmare dolori ed infiammazioni. Inoltre, per combattere l’influenza possono venire in aiuto le spezie quali il rosmarino, il timo e la salvia che contrastano la stanchezza e pesci e carne cotti al vapore che contengono ferro e proteine ad alto valore biologico. E' bene anche integrare i liquidi bevendo molta acqua o tisane e consumando del brodo che libera le vie respiratorie. 
 
Infine, per la dieta contro l’influenza, spesso ci si dimentica di cipolle e aglio, forse per via del loro effetto collaterale poco piacevole. Eppure, entrambi godono di numerose proprietà antisettiche che forniscono al corpo vitamine e sali minerali. Inoltre, svolgono un’azione fluidificante che favorisce l’eliminazione del catarro donando sollievo in caso di influenza già contratta.